Conservatorio di Santa Rosalia

Il Conservatorio di Santa Rosalia, con annessa chiesetta, è ubicato nei pressi della Chiesa del Carmine. È un edificio storico molto antico, fondato da Filippo Vollaro e Sigismondo Di Lieto il 17 aprile del 1682 presso il notaio Mattia Giaccio di Napoli. Fu prima un monastero francescano di clausura e poi nel 1812 passò al Consiglio degli Ospizi, mantenendo un proprio regolamento e statuto, divenendo istituto laico per l’educazione femminile. Il 4 settembre dalla terrazza del conservatorio-ex monastero si festeggia la figura della Santa siciliana di origini normanne, Rosalia Sinibaldi, protettrice e patrona di Palermo. Annessa al Conservatorio vi è la Cappella di Santa Geltrude. Dal 1931 esso viene diretto da una Comunità di dieci monache benedettine di S. Geltrude che svolgono attività religiose, educative e sociali, gestendo un orfanotrofio, un asilo ed un laboratorio di cucito per la gioventù atranese. È l’unico conservatorio che è sopravvissuto alle vicende dei secoli, trasformandosi e rinnovandosi secondo le esigenze dei tempi moderni.