Santuario Santa Maria del Bando

Su uno sperone roccioso situato a 145 m sul livello del mare, sorge la Chiesa di Santa Maria del Bando, che offre una visuale molto suggestiva sul paese di Atrani. La Chiesa fu costruita molto probabilmente nel X secolo, ma i primi documenti sulla struttura risalgono al XII secolo. Collocata quindi in cima al Monte Aureo, pare che da lì si proclamassero i bandi ovvero gli annunci pubblici delle leggi, delle sentenze o delle disposizioni delle autorità regnanti. Ma la denominazione “Bando”, forse la si può ricavare da un affresco quattrocentesco, presente sull’altare e raffigurante una Madonna con Bambino ed un bandito sul lato sinistro, in procinto di esser impiccato ingiustamente, al quale la Vergine per intercessione divina rese la grazia di liberarlo. L’interno è ad un’unica navata ed il pavimento maiolicato proverrebbe dalla Collegiata di Santa Maria Maddalena. Difronte alla Chiesa vi è una piccola sagrestia e accanto all’altare una piccola porta conduce alla cella campanaria. Sempre all’interno è custodita una pregevole urna cineraria in marmo bianco, di epoca Giulio-Claudia, di proprietà di un liberto, come si evince dall’epigrafe che testimonia l’affrancamento di una donna da parte di costui, che spesso poi diveniva la sposa del padrone assumendone il gentilizio. Purtroppo nell’inverno del 2014 sono stati trafugati una effigie lignea di Sant’Antonio, la statua della Madonna del Bando, cinque pastori, un’acquasantiera e un marmo proveniente dalla Sagrestia.